mercoledì 30 gennaio 2013

Javier Bardem e Olga Kurylenko insieme in To the Wonder



Javier Bardem e Olga Kurylenko nel nuovo film di Terrence Malick: To the Wonder


Javier Bardem dopo il ruolo di malefico villain nell’ultimo Skyfall sembra proprio andare in cerca di redenzione. Eccolo infatti interpretare il ruolo di un sacerdote nel film To the Wonder, il nuovo lavoro del regista Terrence Malick con Ben Affleck, Rachel McAdams, Olga Kurylenko presentato (tra perplessità ed elogi) all’ultimo Festival di Venezia. Uscita prevista ad aprile negli States, ma per la data italiana dovremo ancora attendere. Potremmo anche godere della bellezza della splendida Bond Girl di 007 Quantum of Solace, Olga Kurylenko che sarà nella pellicola diretta dal regista di The Tree of Life (Palma d’oro a Cannes nel 2011) Terrence Malick, che racconta, con il suo classico stile visivo poetico ed etereo, una tormentata storia d’amore: 



protagonista infatti è una coppia che dalla Francia si trasferisce in America per assecondare il lavoro di lui, ma lei si sente sola e distante dal compagno, decidendo di andarsene e lasciando lui in compagnia di un’altra donna. La pellicola era stata presentata all’ultimo Festival di Venezia dove aveva suscitato pareri contrastanti e perplessità soprattutto per il messaggio un po’ troppo criptico.

Crediti : Valentina Torlaschi - Screenweek.it

SKYFALL in BLU RAY dal 20 febbraio


LO STRAORDINARIO VENTITREESIMO EPISODIO della SAGA di JAMES BOND SKYFALL
Il film di Bond con i maggiori incassi di tutti i tempi disponibile in Blu-ray. L’ultima missione di 007 arriva nelle nostre case dal 20 febbraio



Metro-Goldwyn-Mayer Studios e Twentieth Century Fox Home Entertainment annunciano che SKYFALL, grandissimo successo al box-office, è disponibile in Blu-ray in alta definizione a partire dal 20 febbraio. Diretto dal premio Oscar® Sam Mendes e con Daniel Craig nel ruolo di James Bond, l’uscita home video di SKYFALL in alta definizione segue lo straordinario successo cinematografico del ventitreesimo episodio della saga più longeva della storia del cinema. Con più di un miliardo di dollari di incassi, l’agente dei servizi segreti inglesi ha dominato il box-office mondiale diventando il film di maggior successo di tutti i tempi nel Regno Unito – paese natale di Bond. I riconoscimenti continuano con il recente annuncio di otto nomination ai BAFTA [British Academy of Film and Television Arts] tra cui Miglior Film Inglese; Attore Non Protagonista, Javier Bardem; e Attrice Non Protagonista, Judi Dench. Tra le cinque nomination agli Academy Award®, inoltre, anche quella come Miglior Colonna Sonora Originale con il brano di Adele “Skyfall”, già premiato con un Golden Globe®. Il debutto cinematografico di SKYFALL ha coronato l’anno di celebrazioni per il 50° anniversario di James Bond. In onore delle cinque decadi trascorse dalla prima apparizione di 007 sul grande schermo, la campagna mondiale ha raggiunto il suo culmine con l’uscita di BOND 50, un cofanetto da collezione che include i 22 film di James Bond in Blu-ray, raccolti per la prima volta in un unico box-set. Il cofanetto prevede anche lo spazio fisico per SKYFALL in modo da permettere ai consumatori di completare la propria collezione del 50° anniversario. In SKYFALL la fedeltà di Bond verso M (Judi Dench) è messa a dura prova quando il passato di lei torna a perseguitarla. Con l’MI6 compromesso all’interno e all’esterno, a M rimane un solo alleato su cui contare: Bond. 007 torna, con al fianco il solo agente Eve (Naomie Harris) – seguendo una pista che porta al misterioso Silva (Javier Bardem), i cui letali e nascosti scopi devono ancora essere svelati. Con il Blu-ray, è possibile scoprire i dietro le quinte dell’ultima missione di Bond con più di tre ore di imperdibili contenuti speciali. Le riprese di Bond permette a tutti i fan di rivivere le incredibili scene d’azione, i misteriosi malvagi, le donne affascinanti, i luoghi esotici e i gadget più sofisticati del film.

Contenuti :
Le riprese di Bond-Introduzione- Sequenza di Apertura- Sequenza del Titolo 007- Q-DB5 - Le Donne - I Malvagi – Azioni – Luoghi – Musiche - Sequenza Finale – M - Il Futuro - La Premiere di Skyfall – Commenti - Il Regista Sam Mendes - I Produttori Barbara Broccoli & Michael G. Wilson; Lo scenografo Dennis Gassner - Trailer Cinematografico

Crediti : badtaste.it

martedì 29 gennaio 2013

SAN REMO per la Bond Girl Bérénice Marlohe ?


La Bond Girl Bérénice Marlohe
sul palco di San Remo ?
Rumors accreditati danno per probabile la presenza dell’attrice francese accanto a Fazio & Littizzetto

Continua il toto-nomi per le "vallette" del Festival di Sanremo 2013.



Una Bond Girl al Festival della canzone più famoso del mondo ? Si moltiplicano i rumors che vedono l’affascinante interprete del recente Skyfall, in lizza per il posto di valletta a San Remo 2013. Fabio Fazio sta intensificando i casting e si rumoreggia che oltre alla presenza delle due supermodelle Bianca Balti e Bar Rafaeli, sul palco del teatro Ariston potrebbero esserci anche due attrici: la bond girl francese Bérénice Marlohe (1979), vista in "Skyfall" a fianco di Daniel Craig e Javier Bardem, e la romena Catrinel Marlon, protagonista dell'esordio alla regia di Luigi Lo Cascio ne "La città ideale" e diretta da Federico Brugia in "Tutti i rumori del mare". Vero, presunto ? L’indiscrezione proviene dalle potenti orecchie del settimanale Chi che sostiene l’ipotesi possibile, sarà certamente una conduzione scoppiettante quella diretta da Fabio Fazio e da Luciana Littizzetto in barba ad alcune sonnolenti edizioni a cui recentemente ci hanno abituato, sembra essere ancora in trattativa la sempre più sexi Laetitia Casta, che tornerebbe sul palco dell'Ariston a quattordici anni dall'edizione sanremese che la vide protagonista dell'edizione 1999 insieme a Fabio Fazio e al premio Nobel per la Medicina Renato Dulbecco e che la trasformò in una diva.

Link : Chi, Today City News


lunedì 28 gennaio 2013

DANIEL CRAIG sostituito da PATTINSON TWILIGHT ?


Daniel Craig non ha dubbi: "Il prossimo James Bond? Sarà Robert Pattinson"
di Nicoletta Salvi

Prima o poi questo annuncio doveva arrivare, per fortuna Daniel Craig ha firmato per altri due film della serie...



Ebbene sì, avete capito proprio bene: Daniel Craig vestirà i panni di 007 ancora per poco, per altri due film e poi...fine dell'era 007-molto-macho. La notizia è stata diffusa appena ieri e devo dire che la risonanza è stata tale per cui non è davvero possibile non farne un "fatto del giorno". Non è tanto la dipartita del Craig a preoccuparmi, quanto quello che Mr.Muscolo-occhi-di-ghiaccio avrebbe detto, durante una recente intervista. Alla domanda su chi vorrebbe che lo sostituisse, nei panni dell'Agente Segreto di Sua Maestà, Daniel avrebbe risposto così: " Un giovane attore britannico, di talento, brillante, come Robert Pattinson, sarebbe perfetto per il ruolo dell'agente 007". Fermi tutti. Robert Pattinson? Ma chi, quello che ha fatto il "vampiro" per 5 anni di fila? Quello che a petto nudo sembra uno allergico alla palestra...quel Robert Pattinson?!? Eh sì, proprio lui, l'Edward Cullen del grande schermo. Badate bene amici e fans di Robert e Twilight, la sottoscritta non ha nulla contro Pattinson, anzi, se avessi dovuto scegliere un team, avrei scelto il suo...il ragazzo ha talento ed è ovvio, è un bellissimo ragazzo, ma 007 no, no e poi no! Avete presente tutti quelli che hanno interpretato il ruolo di James Bond? Sean Connery, Roger Moore, Timothy Dalton, Pierce Brosnan e il "collirio" Daniel Craig... Dai su cerchiamo di essere obiettivi, almeno in questo senso, Robert Pattinson non ha proprio il fisico, la faccia da James Bond. Sarebbe come chiedere a Jude Law di fare Mission Impossible al posto di Tom Cruise. A detta di Daniel, invece, Robert sarebbe proprio il soggetto giusto per ricoprire il ruolo di Bond, ma secondo me Robert Pattinson è troppo "giovane" per dare quel certo fascino al personaggio,e poi come direbbero a Napoli "che c'azzecca?".  Naturalmente il mio è solo un parere personalissimo e, quindi non condivisibile, ma avendo visto diversi film di 007 (soprattutto gli ultimi con Daniel Craig), credo che Robert Pattinson non sia l'attore più indicato per la parte. Serve un personaggio non efebico come Robert, ma un tipo macho, con lo sguardo di ghiaccio e con quel fascino che attira le donne come il miele...chi potrebbe essere il nuovo James Bond, secondo voi? Secondo me sarebbe perfetto Hugh Jackman...

Credits by Getty Images – Blogosfere – Wold Celebrities

domenica 27 gennaio 2013

CENSURA di SKYFALL in CINA




La censura di "Skyfall" in Cina,
fa arrabbiare anche i cinesi
Rinvio e versione "epurata", utenti dei microblog infuriati


















Pechino, 22 gen. (TMNews) - Le sforbiciate a "Skyfall", l'ultimo film di James Bond che in Cina è arrivato solo ieri (in Europa e in America nell'autunno scorso), hanno fatto infuriare gli utenti dei microblog cinesi, che denunciano l'ennesima censura.

"E' snervante! Ogni volta la stessa cosa", ha scritto l'utente Niccilee su Sina Weibo, principale sito di microblogging nel Paese del Dragone. "Abbiamo atteso il film così tanto ed ecco che lo tagliano e lo ritagliano", ha aggiunto esasperato.

Tra le scene finite sotto la censura di Pechino, quella nella quale il sicario Patrice (Ola Rapace) uccide una guardia di sicurezza cinese in un grattacielo di Shangai. "Avrebbe potuto spingere all'emulazione altri criminali", si è chiesta Leslie Zhuang, una spettatrice delusa. "Se tagliate queste parti, allora non importate il film", si è lamentata.

Anche i dialoghi di "Skyfall" sono stati rivisti, con i sottotitoli in cinese che non sempre corrispondono a quanto dicono gli attori, tra cui un'allusione che Bond fa alla prostituzione a Macao o la frase in cui Javier Bardem (il cattivo di Skyfall) racconta della tortura subita da parte delle forze di sicurezza cinesi.

Link : TMNews - Fonte Afp

gli ERRORI in LICENZA d'UCCIDERE


La svista 
dell’agente segreto
Distrazioni da principiante, imprudenti negligenze, errori (non per colpa sua)che potrebbero costargli caro, un lungo elenco di sviste che hanno fatto rischiare grosso l’agente segreto, cui si è sottoposto a costo della vita suo malgrado, esponendosi qualche volta anche al ridicolo, nella sua lunga carriera, riuscendo sempre comunque a sopravvivere.
di Luca Bonacini




La saga più longeva della storia del cinema ci ha dato film indimenticabili e ognuno di noi ha formulato una sua personale classifica dei più belli. Qualcuno si è anche divertito a individuare gli errori, i blooper che per disattenzione, per fretta, o per semplice svista sono stati commessi dagli sceneggiatori, dai registi, dai montatori, nelle 23 indimenticabili pellicole. Da questa settimana ecco una carrellata dei blooper più evidenti di ogni film realizzato fino ad ora. Si comincia con “Licenza di uccidere”. Se qualcuno vorrà aggiungerne, scriva. Buon divertimento !

“Licenza d’Uccidere (Dr.No) del 1962, il film dove viene per la prima volta pronunciata la famosa frase : “il mio nome è Bond James Bond”, con la regia di Terence Young, interpretato dal primo Bond Sean Connery nel ruolo di 007, dall’indimenticabile Ursula Andress nel ruolo di Honey, da Bernard Lee nel ruolo del primo M, sono oltre trenta “gli errori” fino ad ora scoperti, eccone alcuni:

L’agente segreto campione di eleganza sfoggia un impeccabile abito grigio chiaro, mentre esce dall’hotel dove risiede, salvo poi rientrare nella sua stanza vestito con un abito spezzato grigio e blu.

L’Aston Martin corre veloce guidata da Bond, alle spalle un’auto nera con i cattivi di turno dagli occhi a mandorla, prezzolati dal Dr.No... le ruote fischiano sull'asfalto… peccato che la strada sia sterrata!

Bond fa notare a Dent che la sua pistola "è una Smith & Wesson, e ha già esploso i sei colpi", ma in realtà spara con una Colt 45 a sette colpi.

Mentre 007 attende il Professor Dent nella stanza di Miss Taro, e applica il silenziatore alla pistola, non si vedela cravatta che indossava.

Nella scena della tarantola, si vede che sta camminando su una lastra di vetro dall'ombra sul braccio.

La bella fotografa viene costretta da Quarrel a sedersi al tavolo di Bond, e ha la macchina fotografica al collo; che non avrà più nella scena successiva ma che ricomparirà subito dopo.

Dopo che è stata imposta la pistola Walter PPK da M, e requisita l’amata Beretta, si vede comparire in mano a Bond nella scena in cui spara a Dent, una Browning FN.

Connery/Bond fa il bagno con Andress/Honey, e quando lei esce ha i capelli asciutti e in piega, mentre nella scene successiva sono bagnati.

Verso la fine del film, Bond dice che è terminata la benzina della barca, ma lo dice dopo avere estratto l'asticina dell'olio.

James bond fa fuoco contro il "drago" dell'isola di Mr.No con una pistola che non è la stessa di quando esce dai cespugli da cui sparava.

Durante il primo incontro con Quarrel, che sta dipingendo la barca posa in pennello nel barattolo con il manico verso sinistra, ma nello stacco successivo il manico e' inclinato verso destra!

Bond costringe la macchina nera che lo insegue a precipitare in un burrone, ma la macchina è diversa da quella che inseguiva infatti si vede chiaramente durante l'inseguimento che aveva i fari sui lati esterni del cofano motore come le macchine degli anni 30 mentre l'altra ha un aspetto decisamente più moderno con i fari integrati nella carrozzeria.

Link : blooper.it




sabato 26 gennaio 2013

IAN FLEMING VS HITLER




Operation Mincemeat,
la polpetta (avvelenata)
che Ian Fleming rifilò a Hitler
Il saggio uscito in Inghilterra racconta tutti i segreti di un’operazione di spionaggio inglese ai danni della Germania nazista. E svela il ruolo decisivo dell’inventore di James Bond

Tradotto in italiano suona decisamente meno charmant, e perde forse anche quella carica di suspense che in questi casi è necessaria. Eppure, Operation Mincemeat (che da noi si tradurrebbe semplicemente  con un culinario “Operazione polpetta”), uscito da qualche tempo nelle librerie inglesi, svela fino ad ora segreti retroscena nell’attività dell’intelligence britannica.
Con questo saggio, lo storico ed editorialista del Times Ben Macintyre rivela “per la prima volta” tutti i dettagli e i segreti  di “uno dei più audaci atti di coraggio in tempi di guerra”. Il riferimento è al colpo di spionaggio che permise agli Alleati di far dirottare diverse migliaia di soldati di Hitler nell’Europa dell’Est, in modo da rendere più facile ed agevole lo sbarco in Sicilia del 9 luglio del 1943, da tempo concordato tra Roosevelt e Churchill.
L’espediente? Il corpo di un anonimo gallese già trapassato che, travestito e addobbato da finti effetti personali, venne usato da cavallo di troia e abbandonato nelle acque spagnole il 30 aprile del 1943. Tra gli oggetti posticci del povero militare (deceduto, per tutt’altre ragioni, da diversi giorni e puntualmente ritrovato dall’intelligence nazista) anche dei finti “documenti riservatissimi” nei quali si accennava ad operazioni militari imminenti da parte degli Alleati non in Sicilia, ma in Grecia e Sardegna. I nazisti abboccarono, trasferendo tre divisioni panzer e distogliendo i rinforzi militari dall’isola. Nell’operazione - informa il Times - ci mise lo zampino anche il comandante Ian Fleming, inventore quindici anni dopo del più letto agente segreto della letteratura, James Bond. Anche grazie al suo genio, a quanto pare, la polpetta avvelenata venne data in pasto a Hitler e ai suoi uomini in camicia bruna.

Crediti : Panorama.it

venerdì 25 gennaio 2013

RACHEL WEISZ : UFFA' BOND


Vita da Star
Rachel Weisz :
Difficile essere moglie di James Bond ?

  
Rachel Weisz è una donna fortunata ad avere due mariti incredibili! E 'sposata con Daniel Craig e James Bond! Ma sembra che il secondo stia diventando causa di problemi per la coppia ... Daniel e Rachel sono felicemente sposati ma sembra che  vi sia qualche frizione determinata dal ruolo interpretato da suo marito e Rachel ha affermato che : "La popolarità di Daniel è cresciuta a dismisura da quando interpreta James Bond e lui nei momenti più impensati è richiesto dai fan per una foto. Egli è ben consapevole dei doveri che ha verso un personaggio così famoso e cerca di non sottrarsi ai fan. Ma Rachel non sembra apprezzare troppo: "Rachel viene spesso tagliata fuori, e deve spostarsi, quando è accanto a Daniel o, peggio ancora, le viene chiesto di fare la fotografia al fan e a Daniel. Qualche volta poi la foga dei fan ha superato i limiti e Rachel ha dovuto strappare Daniel a un'orda di fan chiedendo loro, “Posso riavere mio marito?” Quando ha sposato Daniel, non si aspettava di avere sempre James Bond al suo fianco! Può essere molto difficile essere sposata a un agente segreto. Non sapendo quando esce da quella porta se tornerà ... o se arriverà tardi perché ha dovuto firmare autografi!

Crediti: Perez Hilton - immagine tramite WENN

giovedì 24 gennaio 2013

ADELE CANTERA' AGLI OSCAR 2013


Oscar 2013: Adele canterà Skyfall alla cerimonia di premiazione e vincerà

Alla cerimonia di premiazione degli Oscar 2013 Adele canterà 'Skyfall'. Il premio come miglior canzone sembra assicurato.
di redazione All Songs



La notizia è arrivata oggi: Adele sarà presente alla notte degli Oscar 2013 e salirà sul palco per cantare la sua "Skyfall", il main theme dell'omonimo e ultimo film sull'agente 007.

Con un comunicato stampa Adele ha confermato la sua partecipazione alla cerimonia di premiazione, che si terrà il 24 febbraio, e ha ringraziato tutti in questa maniera:

E' un onore essere in nomination e sarà spaventosamente meraviglioso cantare di fronte a persone che hanno catturato la mia immaginazione per anni e anni. E' qualcosa che non ho mai sperimentato e probabilmente lo farò solo una volta nella vita!

Ricordiamo che "Skyfall", premiata ai recenti Golden Globe, è stata nominata come miglior canzone agli Oscar 2013 e a questo punto ci sono molte probabilità che trionfi. Anzi diciamo che la vittoria è quasi assicurata.

Gli Oscar segneranno il ritorno dal vivo della cantante inglese e la sua prima apparizione pubblica dopo la vittoria ai Grammy 2012 e dopo la nascita del figlio avvenuta lo scorso ottobre.

Ma le prime volte non finiscono qui perché sarà anche la prima volta che Adele canterà "Skyfall" dal vivo. Senza dimenticare che la canzone è il primo tema di James Bond nominato agli Oscar negli ultimi 30 anni.

Crediti : All Songs

martedì 22 gennaio 2013

IL NUOVO LIBRO DI BOND nel 2013


James Bond, il nuovo libro nel 2013
Torna 007 in un nuovo romanzo firmato William Boyd, 
ambientato negli anni Sessanta
di Andrea Bressa



James Bond non solo non muore mai, ma torna addirittura indietro nel tempo. Il celebre personaggio creato da Ian Fleming nel 1953, rivivrà quest’ anno con un nuovo titolo, che avrà per sfondo i mitici anni Sessanta, tra Woodstock, il Vietnam e lo sbarco sulla luna. Il 2013 è l’anno del sessantesimo compleanno di 007 e la Ian Fleming Foundation ha deciso di affidare allo scrittore britannico William Boyd, noto per romanzi come Aspettando l'alba (Neri Pozza) o Inquietudine (BEAT), la stesura del nuovo capitolo dell’agente segreto più famoso del mondo. Non si conosce ancora il titolo ufficiale del libro, ma sappiamo che uscirà nel prossimo autunno edito dalla Jonathan Cape, la casa editrice che diede i natali al primissimo Casino Royale . Sarà protagonista un tranquillo James Bond quarantacinquenne alle prese con una missione “ordinaria”, senza supercattivi intenzionati a distruggere il mondo con virus letali o armi atomiche. Se la vedrà piuttosto con le inquietudini politiche e sociali della fine degli anni Sessanta.


Crediti : Panorama.it - Immagini : Ansa

JAMES BOND : OMAGGIO agli OSCAR 2013



Omaggio a James Bond 
agli Oscar 2013



50 anni di gloriosa storia, celebrata nel tempio del cinema. Durante la cerimonia degli Oscar 2013, l’Accademy celebrerà la spia più longeva della storia: James Bond. A confermare l’evento speciale dedicato a 007, sono stati i due produttori degli Oscar Craig Zadan e Neil Meron: “Siamo molto felici di dedicare una sequenza speciale del nostro show per ammirare James Bond nel suo 50° anniversario” ha dichiarato, “i film di 007 sono diventati i più longevi franchise della storia del cinema e un amato fenomeno globale”. Seth MacFarlane, creatore de I Griffin, è stato scelto come padrone di casa dell’85° edizione degli Academy Awards che andranno in scena il 24 Febbraio.

L’ultimo film di 007 è stato l’apprezzatissimo Skyfall con Daniel Craig nei panni di James Bond e Javer Bardem in quelli del cattivo. Oltre al successo al botteghino, il film del 50° anniversario sarà conosciuto anche per altri record, la colonna sonora omonima, ad esempio, interpretata dal fenomeno britannico Adele, ha scalato le classifiche di tutto il mondo. Il nuovo James Bond, inoltre, è stato protagonista di una esilarante scenetta con la Regina d’Inghilterra in persona durante la Cerimonia di Apertura delle Olimpiadi di Londra 2012. Se questi sono i presupposti, non vediamo l’ora di vedere cosa la Spia di Sua Maestà preparerà per gli Oscar!


Crediti : Paper Blog

domenica 20 gennaio 2013

DANIEL CRAIG VA IN PALESTRA


DANIEL CRAIG 
SI TIENE IN FORMA
Daniel Craig lavora sulla sua figura 
e va in palestra per un po’ di esercizio


 
La spia più famosa del mondo vuole tenersi in forma il più possibile. L'attore, celebre interprete di James Bond, è stato visto nei pressi della sua casa di New York, recarsi in palestra per un allenamento. Un paio di pantaloni della tuta grigi stretti, un maglione marrone, un gilet imbottito, sciarpa, cappello e una grossa borsa da palestra. Gli occhi del 44 enne schermati come sempre dal sole d'inverno indossando un paio di occhiali da sole. Assorto nei suoi pensieri l’attore ha raggiunto la palestra forse ripensando alla serata precedente trascorsa insieme alla moglie Rachel Weisz guardando “La gatta sul tetto che scotta” a teatro. Secondo le indiscrezioni la bella attrice sarebbe pronta per recitare a teatro accanto a Daniel, e a una domanda di un giornalista avrebbe affermato: "Potremmo essere i prossimi Richard Burton ed Elizabeth Taylor ... ma senza il divorzio."

Immagine di Splash News

sabato 19 gennaio 2013

SKYFALL : gli Occhiali di Bond



James Bond Skyfall: 
Daniel Craig 007 con gli occhiali Tom Ford
di Caterina Di Iorgi


Per la seconda volta, Tom Ford ha vestito James Bond. In Skyfall Daniel Craig interpreta i panni del leggendario agente segreto 007 indossando per l'occasione un paio di occhiali della collezione Tom Ford Eyewear. Dopo l'uscita mondiale del film, prodotto da Michael G. Wilson e Barbara Broccoli per EON Productions, diretto dal registra premio Oscar Sam Mendes, e il successo planetario della 23 pellicola della celebre saga, ancora una volta al volto di 007 un paio di occhiali della collezione Tom Ford Eyewear prodotti e distribuiti worldwide da Marcolin. Il modello TF144, dalla classica forma aviator, design lineare e materiali ricercati, interpreta l'accessorio perfetto per l'agente 007 che ama lo stile raffinato e contemporaneo. Collezionisti dei gadget e del life style di Bond avvertiti …

Crediti : Man Life Style

Skyfall supera i 300 milioni



BoxOffice / Mondiale / USA
Skyfall supera i 300 milioni negli USA, previsto un incasso da 100 milioni in Cina
di Leotruman

La corsa al botteghino USA di Skyfall non si ferma e proprio nella giornata di ieri ha superato negli USA il muro dei 300 milioni di dollari. La pellicola di Sam Mendes, che ha già superato il miliardo di dollari in tutto il mondo, sta per uscire in Cina e sono previsti incassi record!



Sempre più incredibile la corsa al boxoffice di Skyfall, l’ultimo film della saga di James Bond con Daniel Craig protagonista e diretto da Sam Mendes, che in Italia è sbarcato lo scorso 31 ottobre (quasi 13 milioni di euro raccolti). Con gli incassi della giornata di ieri, il kolossal prodotto da Sony Pictures ha superato in America la soglia psicologica dei 300 milioni di dollari, un risultato a dir poco incredibile considerando che i due precedenti capitoli si erano assestati intorno ai 160 milioni a testa. Senza considerare l’inflazione è il miglior risultato mai ottenuto negli USA dalla saga, mentre considerando l’aumento del prezzo del biglietto si posiziona terzo dietro a Thunderball (581 milioni) e Goldfinger (515 milioni). Skyfall attualmente ha incassato globalmente 1.033 miliardi di dollari, ma la sua corsa non è ancora terminata perché proprio negli ultimi giorni la pellicola sta per sbarcare nel sempre più interessante mercato cinese (depurata dalla censura di alcune scottanti sequenze). Secondo alcuni analisti la pellicola dovrebbe incassare 32.2 milioni di dollari nel suo primo fine settimana, più dell’intero incasso di Quantum of Solace (circa 20 milioni). Viene paragonato in quanto a potenzialità di incasso al grande successo dello scorso anno Mission Impossible: Protocollo Fantasma, in quanto sembra avere un tracking simile. Il quarto capitolo della saga action con Tom Cruise incassò la bellezza di 102 milioni di dollari a fine corsa, e per Skyfall ci si aspetta alla vigilia un incasso finale tra i 95 e i 100 milioni di dollari. Quello che sembra certo è che Skyfall supererà al di fuori degli USA il muro degli 800 milioni, che solo altre cinque pellicole hanno varcato: Avatar (2 miliardi, 3D), Titanic (1.5 miliardi, anche 3D), Harry Potter 8 (947 milioni, 3D), The Avengers (888 milioni, 3D) e Pirati dei Caraibi 4 (802 milioni). Ricordiamo inoltre che Skyfall è nominato a 5 Oscar e verrà celebrato dall’Academy durante la notte degli Oscar con un videotributo per i suoi 50 anni.

Crediti: Screenwek.it, Mojo, Boxoffice.com

giovedì 17 gennaio 2013

SKYFALL CENSURATO in Cina



La censura
colpisce Skyfall
di Luca Bonacini


Nulla da fare, i cinesi dovranno vedersi Skyfall sforbiciato dalla censura. Sembra di essere tornati in clima di Guerra Fredda, a leggere l'articolo del Guardian e a sentire le voci che confermano un intervento consistente sulla trama e le scene ritenute imbarazzanti ma anche su alcuni dialoghi, in particolare i riferimenti che riguardano Severine interpretata dall'affascinante Berenice Marlohe, e ai suoi trascorsi di prostituta dei bassifondi cinesi. Una censura che prende di mira altri film americani come Men in Black e Pirati dei Caraibi, e che sembra proprio abbia forti motivazioni economiche ritardando l'uscita delle pellicole straniere di cassetta a favore della cinematografia nazionale cinese. Ma tantè, se non altro da lunedi 21 anche i cinesi potranno vedersi Skyfall, malgrado il ritardo di quasi due mesi sul resto del mondo.

mercoledì 16 gennaio 2013

da SKYFALL A FRANKENSTEIN per Sam Mendes



SAM MENDES: DA JAMES BOND A DRACULA E FRANKENSTEIN
di Manuela Puglisi

Il regista di Skyfall Sam Mendes ha in pentola una nuovissima serie tv, un horror "psico-erotico"



Sam Mendes tornerà a lavorare con il suo partner di sceneggiatura John Logan. Niente James Bond però, questa volta raccoglieranno i personaggi più terrificanti della letteratura in Penny Dreadful, la nuova serie drammatica di Showtime. Immaginiamo la Londra vittoriana, il Dott. Frankenstein e la sua creatura, il Dracula di Bram Stoker, Dorian Gray e, perché no, Jack lo squartatore. David Nevins Presidente di Showtime commenta «I personaggi sono presentati in maniera molto umana. Sarà una serie molto psicologica, e con un tasso erotico decisamente alto. John Logan è davvero uno dei migliori sceneggiatori. Ha scritto Skyfall, Il Gladiatore, The Aviator. Ha una mente brillante , scriverà ogni episodio della serie ed è appassionato di letteratura horror da quando era un bambino». Showtime è anche il canale che ospita Homeland che ha appena sbancato i Golden Globes, quando gli è stato chiesto se la serie potrebe continuare anche senza Damian Lewis, Nevins ha risposto «Tutto è continuamente discusso in quella serie. Se, alla fine di un lungo dibattito, l'assenza di Lewis fosse ciò che ha senso in termini di storia, darei l'ok, assolutamente».

Crediti Style.it Foto Splashnews


Crediti : Style.it Foto Splashnews

martedì 15 gennaio 2013

Daniel Craig e Sean Penn


Daniel Craig e Sean Penn:
al galà per Haiti




Daniel Craig e Sean Penn fianco a fianco al galà per Haiti 2013 che si è tenuto presso l'Hotel Montage di Los Angeles. Il 44 enne attore protagonista di Skyfall ha dato il suo contribuito e sostegno alla causa benefica di Haiti. Chissà se i due attori stanno pensando a qualche progetto da realizzare insieme ? Durante la serata e la cena Daniel, vestito dalla testa ai piedi Tom Ford, ha incontrato Jon Bon Jovi e la moglie Dorothea Hurley.

Crediti: Just Jared, Alberto E. Rodriguez, Michael Buckner
Foto: Getty

DANIEL CRAIG E LA SUA BOND GIRL PREFERITA


speciale GOLDEN GLOBES

Daniel Craig ai Golden Globes insieme alla sua Bond Girl preferita ...
la splendida moglie Rachel Weisz
di EMMA GRITT



Nel ruolo di James Bond, Daniel Craig ha condiviso momenti intimi con alcune delle donne più belle al mondo. Ma alla cerimonia dei Golden Globes Domenica sera, aveva occhi solo per la sua signora, l'attrice Rachel Weisz. Daniel era presente per accompagnare la sua affascinante compagna alla cerimonia, dove è stata nominata per il premio di migliore attrice nel film drammatico The Deep Blue Sea. Sul red carpet smoking e occhiali scuri per Daniel, mentre per Rachel un abito nero lungo Louis Vuitton con una sovrapposizione pura a pois, appropriato alla figura flessuosa dell'attrice. L’apparizione della bella attrice sul tappeto rosso davanti al Beverly Hilton Hotel a Beverly Hills era molto attesa dal numeroso pubblico e Craig felice e innamorato ha accompagnato la moglie sul tappeto rosso. Daniel e Rachel sposati da quasi due anni si sono incontrati la prima volta sul set di un film nel 1994, ma la loro storia d'amore è sbocciata solo sedici anni dopo. Daniel e Rachel sono espatriati e vivono a New York, in modo da non dover viaggiare troppo per lavoro. Si sono sposati con una cerimonia segreta a New York nel giugno 2011, a cui hanno partecipato solo quattro persone: la figlia Ella Craig di 18 anni, il figlio di Rachel, Henry (avuto dalla sua precedente relazione con Darron Aronofsky) e due amici intimi della coppia. 

lunedì 14 gennaio 2013

SKYFALL di ADELE VINCE i GOLDEN GLOBE


E’ SKYFALL 
di ADELE 
la MIGLIOR CANZONE 
ai GOLDEN GLOBE 2013




Adele dedica il prestigioso riconoscimento a suo figlio nato 12 settimane fa, di cui non ha ancora rivelato il nome. La fuoriclasse ritorna sul Red Carpet con un abito nero Burberry e riceve l’ambito Golden Globe 2013. Il suo brano Skyfall, scritto per l’ultima avventura di James Bond, ha battuto anche la bellissima Safe & Sound di Taylor Swift dalla colonna sonora di Hunger Games, oltre che Bon Jovi e il marito di Nicole Kidman, Keith Urban. ‘Quando ho avuto il copione molto tempo fa mi ci è voluto un bel po' per convincermi’. Ha aggiunto: ‘E' una grande responsabilità’. Ma non ha nascosto la contentezza: ‘Oh mio Dio, mi sento come Meryl Streep! Grazie a tutti. La stella di solito molto riservata ha parlato anche del suo ruolo di mamma, dicendo: 'La maternità è bella, mi sto divertendo molto'. Tuttavia, a chi le ha chiesto di rivelare il nome del suo bambino dietro le quinte, Adele ha gentilmente declinato, aggiungendo: 'Molto personale'.

Crediti immagini AP/BNC

sabato 12 gennaio 2013

Affascinante Bérénice Marlohe


«Io, Bond girl bella e cattiva»
di Fabrizio Basso


Venezia - L’art de séduire. Chi debutta con un film che ha questo titolo e viene da Parigi, le tecniche per travolgere gli uomini le ha nel sangue. Dunque è stato facile per Bérénice Marlohe sedurre l’agente segreto più famoso al mondo, James Bond. Francese, 33 anni, con una scarso curriculum cinematografico, un mediocre curriculum televisivo e uno straordinario curriculum da modella, è la nuova Bond Girl. Sguardo nocciola e sorriso ampio, affianca 007 Daniel Craig in “Skyfall”, l’opera numero 23 della saga.

Signora Marlohe chi è realmente?
«Ha paura di me? La vedo un po’ rigido».
Non capita tutti i giorni di trovarsi di fronte a una Bond Girl.
«Si rilassi, per favore: non sono né una femme fatale né una mangiatrice di uomini».
Meno male. E chi è?
«Semplicemente una Bond Girl».
Interessante. E il suo primo appuntamento con 007?
«Da bambina, ovviamente, in Francia».
Ha cominciato presto. D’altra parte con quegli occhi…
«Guardi che non riesce a provocarmi. Ero una bambina e mi elettrizzava vedere le sue imprese in televisione».
Quando è scoccato il colpo di fulmine?
«Nessun segreto, in “Doctor No”»
In Italia il titolo è “Agente 007 – Licenza di Uccidere”.
«Ho sentito qualcosa del genere. Per me fu una folgorazione».
Ha provato a spostare lo sguardo sulle Bond Girl?
«Certo. Me li sono sciroppati tutti i film. Prima per passione e poi, quando ho saputo che in “Skyfall” sarei stata io, ho fatto un ripasso più approfondito. Ho studiato il personaggio attraverso le attrici e il loro modo di interpretarlo».
La numero uno?
«Ursula Andress. Se la ricorda quando esce dall’acqua in “Doctor No?».
Eccome. Quel bikini bianco turba ancora oggi, 50 anni dopo.
«Però Ursula è il simbolo di 007 ma non il mio personaggio femminile preferito».
Chi sarebbe?
«Io sto con i cattivi».
Lei? Con quei lineamenti così rassicuranti? Fuori il nome.
«Halle Berry quando ha fatto Giacinta Jinx Johnson in “La morte può attendere”?».
Cosa l’ha colpita?
«Ho trovato molto originale il suo modo di essere cattiva».

Però in Skyfall lei è una bomba di seduzione.
«Esserlo è un’arma in più. Il tempo ne ha modificato l’accezione».
Scusi?
«Oggi è fatale una donna con senso dell’umorismo, spirito di iniziativa e charme...».
Nel film si chiama Severine e si ispira a un personaggio creato da von Sacher-Masoch nel romanzo “Venere in pelliccia”.
«Perché, le dà fastidio....?».
No, ma c’è di mezzo von Sacher-Masoch.
«Si ispira a una canzone che fa parte della colonna sonora dell’omonimo film. Contento?».
Mah, non direi, ci si sarebbe atteso un po’ più di pepe.
«Beh, a questo giro le è andata male, le pare?».
Perché è testimonial Omega?
«Fin da piccola sognavo più la luna che il sole e quando ho saputo che Omega è andato sulla luna me ne sono innamorata».
James Bond per la prima volta beve birra.
«Le abitudini cambiano. Che ne so io...».
E l’immancabile Martini cocktail?
«Tranquilli tutti, c’è sempre. La birra è una alternativa».
Si mormora che abbia una bella voce...
«Certo. Ha dei dubbi? Vuole sentirmi cantare sotto la doccia?».
Ora non esageriamo?
«Peggio per lei, sotto la doccia vado con la quinta sinfonia di Mahler».
Scherza, vero?
«No. Ho studiato cinque anni il pianoforte, amo la musica».
È pure pittrice?
«Quante cose sa. Eseguo ritratti e disegni astratti. Un giorno mi piacerebbe fare una mostra».
Come Sam Mendes regista?
«Bel professionista, ha una grande umanità, senso dell’umorismo».
La sua compagna in “Skyfall” è Naomi Harris: pare abbia visto Craig nudo a metà...
«Non capisco dove va a parare».
Lei ha visto l’altra metà? E se sì quella di sopra o di sotto?
«Furbacchione. Forse qualcosa ho visto ma la lascio col dubbio».
Dove sarà tra vent’anni?
«In una grande casa in riva al mare con la mia famiglia, tanti amici e buon cibo».
La chiamano “splendida brunetta”?
«Mi ha vista? Secondo lei bastano due parole e neppure speciali per descrivermi?».
Permalosa, eh?
«Ce ne vogliono molte, ma molte di più. Splendida brunetta va bene ma solo come punto di partenza».

Crediti : Secolo XIX

venerdì 11 gennaio 2013

JUDY DENCH candidata agli Oscar inglesi


Oscar inglesi
Impariamo a non vincere sempre
di Renato Tortarolo



Genova - Anche i britannici hanno i loro Oscar. Si chiamano Bafta e verranno assegnati il 17 gennaio, una settima prima della Notte delle stelle. Orgogliosi e snob, non la tirano lunga come l’Academy Awards americana. E dimostrano più buon senso dei latini. Noi, in particolare. A chi assegna i Bafta non interessa un granché se uno è divo e amato dal pubblico. Meno ancora se è o meno britannico.

Insomma, lo sciovinismo culturale non è pane per Londra che pure in fatto di arroganza non è seconda a nessuno. Però, lì hanno stile e succede che escludano Daniel Craig, James Bond per la terza volta in “Skyfall”, dalle nomination per il miglior attore. Peccato, perché è uno 007 con mille rovelli, umanissimo, anche un po’ ambiguo, sul filo della bisessualità. Ma, guarda caso, la commissione gli ha preferito l’antagonista Javier Bardem. un ex agente luciferino. Poi, gli ha fatto passare davanti il connazionale Daniel Day-Lewis per “Lincoln”, l’australiano Hugh Jackman per “Les Miserables”, e ben tre americani: Ben Affleck per “Argo”, Bradley Cooper per “Silver Lininigs Playbook” e Joaquin Phoenix per “The Master”.

Se fosse successo a noi, grideremmo all’attentato, all’offesa, a ogni genere di ingiustizia praticabile contro l’italianità. I britannici, invece, se ne sono allegramente infischiati. Certo, hanno infilato Helen Mirren e Judy Dench, due glorie nazionali, rispettivamente come miglior attrice protagonista e non protagonista per “Hitchcock” e “Skyfall”. Ora, non ci sarebbe nulla di strano nella candidature dei Bafta, per il semplice motivo che la reciprocità anglo-americana è piuttosto rigorosa: due anni fa l’inglese Colin Firth vinse a Los Angeles con “Il discorso del re”. Ma qui siamo in Europa e dalla Scozia alle Cicladi presumiamo di avere un primato su chiunque altro oltre le colonne d’Ercole o il Bosforo. I britannici questa volta sono stati più realisti. Potevano privilegiare il miglior film su James Bond di sempre, invece si sono fermati a poche nomination. Prendiamoli ad esempio. Fra l’altro il cinema lo sanno fare.

Crediti : Secolo XIX

giovedì 10 gennaio 2013

SKYFALL PRIMO anche nella CLASSIFICA dei film con più ERRORI

Skyfall, l’ultimo film nato della serie 007, in quanto ad errori e sviste batte di gran lunga tutti i film del trascorso 2012.


Senza nulla togliere al planetario successo di Skyfall ecco pubblicata la classifica dei film con più blooper, nella quale Skyfall si è collocato primo. Errori che fotogramma dopo fotogramma qualcuno si è divertito a cercare e a trovare, scene dove Bond si tuffa nell’acqua gelata e nell’inquadratura successiva è perfettamente asciutto; macchine di Istanbul con targa francese; bottiglie che si svuotano miracolosamente da sole da un’inquadratura all’altra o ancora valigette che scompaiono da tavoli. Un film che ha mietuto successi su tutti i fronti, dal pubblico alla critica, ma che entra di diritto anche in questa bizzarra classifica dove al secondo posto si piazza “Men in Black III” mentre al terzo posto c’è “Il Cavaliere Oscuro: il Ritorno” terzo film della saga di Batman con la bellezza di 24 errori, pari merito con l’ultimo Spider-Man.  

Crediti : Silvio Arancio, Mondo Informazione

mercoledì 9 gennaio 2013

Bond Craig: a casa non si parla di lavoro

Rachel Weisz e Daniel Craig:
a casa
non si parla di lavoro!



(KIKA) – LOS ANGELES – Ognuno ha il suo modo per tenere vivo e romantico il proprio matrimonio: cene romantiche, viaggi senza figli, lettere appassionate … Ma Rachel Weisz e Daniel Craig hanno una ricetta molto più “normale”: mai parlare di lavoro a casa! I due, che si sono innamorati due anni fa dopo essere stati a lungo amici, condividono la medesima professione ma hanno stabilito la regola di tenerla fuori dalle loro pareti domestiche. “Quando due attori parlano di lavoro a casa è la fine. È la cosa peggiore - dice l’attrice britannica, spiegando che il lavoro - da una parte, è una questione privata, dall’altra terribilmente noiosa!” In nome dunque della serenità domestica, e della normalità cui entrambi tengono molto, la Weisz non ha dunque potuto sfogarsi con il marito per la difficoltà di doversi misurare con il ruolo della strega cattiva dell’est in Oz, un mondo fantastico, in cui ha dovuto mettere da parte la propria natura e la propria immagine di brava ragazza per entrare nel terribile ruolo. “Lei non è cattiva. È proprio perfida, malvagia – spiega - È una bugiarda patologia, una narcisista, un’egocentrica monomaniacale. Non ho mai interpretato un personaggio così ed è stato divertente provarci. Naturalmente – dice la moglie dello 007 in carica – ognuno di noi ha un pizzico di cattiveria in sé. Ma nella vita di tutti i giorni noi dobbiamo controllarci. Lei invece no!”

Crediti : Yahoo! Cinema


martedì 8 gennaio 2013

SEAN CONNERY DICE NO

Stallone non convince Sir Sean Connery a partecipare a  'Expendables 3'



Sylvester Sly Stallone non è riuscito a convincere il primo e inimitabile James Bond Sir Sean Connery a partecipare a 'un'ultima missione'. Stallone è impegnato nel casting per il terzo capitolo della serie "Expendables" e vuole ottenere il meglio per il film, che uscirà nel 2014. Il direttore Simon West ha ammesso che aveva accarezzato l’idea di avere Sean Connery nel film: "Sarebbe stato bello riportarlo dalla pensione." Connery, 82 anni, aveva apprezzato l'invito che si rumoreggiava prevedesse la paga di 1 milione di dollari, ma il suo portavoce ha insistito nell’affermare ai giornalisti : "Sir Sean è ufficialmente in pensione - mi dispiace." West e Stallone stanno cercando di coinvolgere Clint Eastwood, Nicolas Cage, Harrison Ford, e le travagliate stelle Mel Gibson e Wesley Snipes per i ruoli di protagonista. "Sly ha affermato al Sun: "Mi piace Mel è stato un buon amico, abbiamo incontrato Nicolas Cage, e Clint Eastwood, siamo in contatto con Harrison Ford e vogliamo Wesley Snipes .... quando torna dal carcere per evasione fiscale."

Crediti : Actor News